12 marzo 2015

Psicologia dei Colori – I Colori Caldi

Rosso Il rosso è il colore con la lunghezza d’onda più ampio e perciò le sue vibrazioni hanno un’effetto stimolante. Il colore rosso è quello che più riesce ad attirare la nostra attenzione, e’ il colore del movimento e dell’attività ma anche quello della passione e dell’aggressività. Nella grafica spesso viene associato al consumo in generale: stimola infatti il desiderio di acquistare di più e più in fretta e, per lo stesso motivo, è associato alla ristorazione: mangiamo di più e più velocemente in presenza di questo colore. Giallo Allegro e solare il giallo è il colore della felicità, della gioia e dell’ottimismo. Rappresenta libertà, saggezza ...

Leggi tutto

30 luglio 2014

Psicologia dei Colori – I Colori Neutri

Bianco Classico ed elegante, il bianco rappresenta purezza, innocenza e pace, trasmette inoltre una sensazione di pulito ed asettico, di pulizia. Nella grafica viene usato per dare un tono essenziale e minimal ai progetti: permette di dare vero risalto ai contenuti (alle immagini in primis), usato come sfondo rende inoltre un progetto più "pulito e leggibile". Nero Come il bianco anche il nero, essendo un colore neutro, ha la peculiarità di mettere in risalto le immagini. Trasmette mistero, ansia ma anche una forte sensualità. E' bene ricordare che, essendo un colore che alla lunga stanca l'occhio, è preferibile non usarlo da solo ma affiancarlo ad ...

Leggi tutto

9 luglio 2014

Psicologia dei Colori – Premessa

La scelta dei colori è senza ombra di dubbio uno degli aspetti più importanti per la creazione di un qualunque progetto grafico. In base ai toni scelti infatti è possibile indirizzare l'utente finale a provare un' emozione specifica e quindi a influenzarne inconsciamente il comportamento. In base al progetto da realizzare (logo, brochure, sito web, ect) per poter raggiungere e "conquistare" il target di riferimento, dovremo per forza puntare sulla psicoogia dei colori. Sebbene non ci sia un significato unico e preciso per ogni colore, si hanno però delle costanti che vengono usate come "regole di base". Lo spettro cromatico può essere diviso in ...

Leggi tutto

17 ottobre 2011

Stili dei Caratteri Tipografici

I caratteri tipografici vengono classificati, oltre che in base al gruppo o famiglia di appartenenza (leggi articolo), anche in base ai vari stili che assumono aste e tratti terminali. Nel corso del 1900 molti disegnatori di caratteri, come ad esempio François Thibaudeau, Maximilien Vox e Hermann Zapf, hanno provato a realizzare uno schema di classificazione e, anche se a tutt'oggi non esiste un metodo accettato in tutto il mondo, vi illustro uno di quelli più accreditati, la classificazione di Aldo Novarese. La sua classificazione è basata su otto diverse famiglie di cartteri, le quali si differenziano in base al disegno delle loro grazie. Lapidari - ...

Leggi tutto

8 settembre 2011

I Gruppi o Famiglie dei Caratteri Tipografici

"La lettera è un segno convenzionale equivalente ad un suono. L'alfabeto è l'elenco delle lettere costituenti l'insieme dei suoni di una lingua, che unite opportunamente formano le parole. Il carattere è l'insieme delle lettere dell'alfabeto studiate e disegnate e normalizzate appositamente per la stampa." tratto da "elementi di tecnologia grafica"   Basata sulla forma delle grazie dei caratteri comprende quattro gruppi: Romano Antico Le grazie sono concave, le aste sottili e le aste grosse non hanno una differenza netta, l'asse è inclinato a sinistra. Fra i caratteri di questo gruppo troviamo: GARAMOND, BEMBO, TIMES NEW ROMAN, PALATINO. Romano Moderno o Bodoniani Il passaggio fra le aste verticali ed orizzontali è ...

Leggi tutto